Via libera al bilancio di previsione 2024-2026

Rafforzamento del ruolo di Morciano di Romagna come “capitale dei servizi” per l’intera area della Valconca, massima attenzione alle politiche sociali con l’obiettivo di tutelare le fasce di popolazione più fragili di fronte all’aumento generalizzato del carovita, un piano per dare nuovo impulso al decoro urbano attraversi interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Sono le principali direttrici lungo cui si articola il bilancio di previsione 2024-2026, approvato dal Consiglio comunale di Morciano di Romagna nel corso della seduta del 30 dicembre.
“L’anno che sta per concludersi – spiegano il sindaco Giorgio Ciotti e l’assessore al Bilancio Andrea Agostini – ha indotto l’amministrazione comunale di Morciano di Romagna ad adottare, in fase di programmazione finanziaria, un atteggiamento di grande prudenza, prevedendo misure adeguate per far fronte alla grande impennata dei prezzi: dai consumi energetici per energia elettrica e riscaldamento fino ad arrivare a materie prime, generi alimentari, trasporti. Le casse del Comune hanno dovuto tenere in debita considerazione gli effetti prodotti dalla bolla speculativa che nel complesso ha drenato risorse per quasi mezzo milione di euro. Tutto ciò ha in parte frenato le possibilità di intervento dell’amministrazione comunale rispetto al tema della qualità urbana. Per il 2024 si prevede tuttavia di poter invertire questa tendenza, grazie anche ad una buona capacità progettuale che fin qui ha consentito al Comune di intercettare numerosi finanziamenti. Il nuovo anno porterà, da parte della società in house Anthea, ad investimenti infrastrutturali per un totale di 6 milioni di euro, ai quali l’amministrazione comunale aggiungerà un ulteriore milione per manutenzioni straordinarie. Ciò consentirà di dare corpo ad un sostanzioso piano manutentivo e di riqualificazione”.
Allo stesso tempo nel 2024 si intende dare seguito ad una serie di azioni che vanno nella direzione di consolidare e ampliare i servizi presenti sul territorio, in un’ottica di sistema che attribuisce a Morciano di Romagna il ruolo di “capitale” della Valconca. Nel nuovo anno si procederà dunque con l’acquisizione, al patrimonio comunale, degli uffici della palazzina ex-Ghigi che compongono la cosiddetta ‘cittadella dei servizi’, la quale a pieno regime accoglierà le sedi di carabinieri forestali, polizia locale, Inps e Protezione Civile. Tutto ciò consentirà l’implementazione di ulteriori, nuovi servizi all’interno dei locali lasciati liberi: si pensi, ad esempio, al piano terra del palazzo municipale e agli spazi della biblioteca comunale ‘G. Mariotti’, pronti ad ospitare uno sportello Hera attivo 6 giorni 7 e le aule aggiuntive dell’istituto superiore ‘Gobetti – De Gasperi’. Entro l’inizio dell’edizione 2024 dell’Antica Fiera di San Gregorio, si prevede inoltre l’avvio dei lavori del nuovo centro culturale polivalente ‘Umberto Boccioni’, forse l’opera più importante per il futuro di Morciano di Romagna. Nel corso dell’ultima seduta del Consiglio Comunale si è infatti completato un passaggio propedeutico, con l’acquisizione al patrimonio comunale della superficie della cabina elettrica di via Roma.
All’interno del bilancio di previsione un capitolo estremamente importante è riservato al tema delle politiche sociali. Aggiungono il sindaco Ciotti e l’assessore Agostini: “Anche per il 2024 sono stati confermati tutti i servizi in ambito socio – educativo e socio assistenziale. Per alcuni di essi, come l’asilo nido, si prevede in particolar modo un’implementazione, grazie ai lavori di ampliamento che consentiranno di azzerare completamente le liste d’attesa, garantendo l’accesso all’asilo nido a tutti i bambini tra i 12 e i 36 mesi residenti nel territorio comunale. Inoltre, grazie alle convenzioni sottoscritte con gli altri Comuni della Valconca, l’asilo nido ‘Primi Passi’ potrà diventare un punto di riferimento per l’intera vallata. Per quanto riguarda gli aspetti tariffari legati ai servizi di competenza comunale, sono previsti una serie di adeguamenti che saranno comunque assorbiti dalla fiscalità generale”.

457 visite

torna all'inizio del contenuto Skip to content

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi