Corona

Come trattare i casi Covid a scuola

🔴Nella speranza di fare cosa gradita, si ricorda il protocollo adottato dal comitato tecnico-scientifico che illustra dettagliatamente come trattare i casi di covid conviventi e di eventuali covid positivipresso le scuole di ogni grado

 

In particolare si sottolineano i comportamenti per i casi potenzialmente più frequenti:

 

📌2.1.7 Alunno o operatore scolastico convivente di un caso:

📰Si sottolinea che qualora un alunno o un operatore scolastico fosse convivente di un caso, esso, su valutazione del Dipartimento di prevenzione, sarà considerato contatto stretto e posto in quarantena. Eventuali suoi contatti stretti (esempio compagni di classe dell’alunno in quarantena), non necessitano di quarantena, a meno di successive valutazioni del Dipartimento di prevenzione in seguito a positività di eventuali test diagnostici sul contatto stretto convivente di un caso.

 

🔴2.2 Un alunno o un operatore scolastico risultano SARS-CoV-2 positivi:

👉Effettuare una sanificazione straordinaria della scuola

La sanificazione va effettuata se sono trascorsi 7 giorni o meno da quando la persona positiva ha visitato o utilizzato la struttura.

🚫Chiudere le aree utilizzate dalla persona positiva fino al completamento della sanificazione.

💨Aprire porte e finestre per favorire la circolazione dell’aria nell’ambiente.

🧽🧽Sanificare (pulire e disinfettare) tutte le aree utilizzate dalla persona positiva, come uffici, aule, mense, bagni e aree comuni.

🧹🧹Continuare con la pulizia e la disinfezione ordinaria.

 

📌📌 Si allega il documento per intero per opportuna informazione di tutti i soggetti interessati

Dpcm 24.10.2020, le nuove norme

In allegato il nuovo Decreto Conte del 24.10.2020

🔴 Nuovo decreto Conte 24 ottobre

Entra in vigore lunedì 26 ottobre e resta valido fino al 24 novembre.

Le novità:

🎭 sospese attività di centri sociali, culturali, ricreativi.

 

🔐Chiuse sale giochi, scommesse, bingo

 

🕕 Fissata dalle 5.00 alle 18.00 l’apertura delle attività di ristorazione (bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, pizzeria, ecc)

 

👉La domenica e i giorni festivi le attività di ristorazione possono rimanere aperti come negli altri giorni dalle 5.00 e sino alle 18.00

 

👨‍🏫 la scuola: «L’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a volgersi in presenza (…), le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica (…) incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, per una quota pari almeno al 75 per cento delle attività»

 

🚗gli spostamenti tra Regioni restano liberi

 

🚄i trasporti pubblici: «È fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute»

 

🏋️ le piscine e le palestre vengono chiuse, così anche centri termali e natatori. Chiuse anche le palestre comunali. Vietati gli sport da contatto.

 

🎥sospese le attività anche di cinema e teatri

 

⚠️le attività pubbliche sono consentite solo in forma statica, vietate sagre ed eventi simili

 

🍝ristorazione solo al tavolo e non più di 4 persone per tavolo negli orari di apertura.

 

⚠️ asporto dopo le 18.00 e sino alle 24.00 consentito ma il consumo non può essere per strada;

 

🚫 confermate le precedenti disposizioni in tema di mobilità da e per l’estero, mascherine, e distanziamento.

Allegati

DISPOSIZIONI CONSEGUENTI ALL’ORDINANZA DEL MINISTRO DELLA SALUTE IN DATA 16 AGOSTO 2020

Pubblicata l’ordinanza comunale che specifica, nel dettaglio, quanto disposto dal Ministro della Salute ieri 16 agosto.

In particolare l’ordinanza ricorda gli obblighi nazionali e regionali vigenti alla data odierna e dispone:

– il mantenimento della mascherina nelle aree di pertinenza dei locali aperti al pubblico ed in ciò intendendo bar, ristoranti, chioschi, piadinerie, pizzerie, gelaterie ecc. nell’orario di apertura degli stessi.

(Per aria di pertinenza si intende lo spazio utilizzato dal locale su suolo pubblico e le sue immediate vicinanze).

Precisa che l’obbligo di portare la mascherina sussiste anche laddove “sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale” e pertanto:

RIBADISCE quanto già previsto dalle linee guida regionali per le aree gioco destinate ai bambini ovvero è obbligatorio l’uso della mascherina, per i maggiori di anni 6, nelle aree destinate a gioco private aperte al pubblico e in quelle pubbliche siano esse situate nelle piazze o nei parchi cittadini.

DISPONE ALTRESI’ CHE

– L’obbligo di mascherina si estende alle aree mercatali, nei giorni di mercato, dove, per la natura stessa del servizio fornito, considerate le caratteristiche fisiche dell’area interessata (Via Roma, Bucci e piazza Risorgimento) è più agevole il formarsi di assembramenti.

Il testo integrale dell’ordinanza è allegata al presente avviso.

Allegati

Al via le richieste del reddito di emergenza

🔴È da oggi attivo il servizio per la presentazione delle domande di Reddito di Emergenza sul sito INPS.
📌Si tratta di una misura straordinaria di sostegno al reddito introdotta per supportare i nuclei familiari in condizioni di difficoltà economica causata dall’emergenza epidemiologica da COVID-19.
☑️Le domande dovranno essere presentate all’Inps esclusivamente in modalità telematica entro il 30 giugno 2020, autenticandosi con PIN, SPID, Carta Nazionale dei Servizi e Carta di Identità Elettronica.
☑️Per la presentazione della domanda ci si potrà avvalere anche degli istituti di patronato.

Previsto dal DL 34/2020 per supportare i nuclei familiari in difficoltà economica a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, il Reddito di Emergenza (Rem) è subordinato al possesso dei requisiti di residenza, economici, patrimoniali e reddituali indicati nell’articolo 82 del decreto:
Requisiti: a) residenza in Italia, verificata con riferimento al componente richiedente il beneficio; b) un valore del reddito familiare, nel mese di aprile 2020, inferiore ad una soglia pari all’ammontare di cui al comma 5;

(Il comma 5 prevede:Ciascuna quota del Rem e’ determinata in un ammontare pari a 400 euro, moltiplicati per il corrispondente parametro della scala di equivalenza di cui all’articolo 2, comma 4, del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito con modificazioni dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, fino ad un massimo di 2, corrispondente a 800 euro, ovvero fino ad un massimo di 2,1 nel caso in cui nel nucleo familiare siano presenti componenti in condizioni di disabilita’ grave o non autosufficienza come definite ai fini ISEE.)

c) un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2019 inferiore a una soglia di euro 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000. Il predetto massimale e’ incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilita’ grave o di non autosufficienza come definite ai fini dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 2013, n. 159; d) un valore dell’ISEE inferiore ad euro 15.000.

Pubblicate nuove norme nazionali e regionali in vigore 18 maggio 2020

Sono state firmate e pubblicate le nuove norme per la cosiddetta “Fase 2”.

Riaprono le attività con i protocolli di sicurezza allegati al DPCM e ripresi nella ordinanza regionale.

Il contenuto è quello già anticipato nelle comunicazioni precedenti

 

 

Allegati

Nuovo decreto Presidente Consiglio 26 aprile 2020

Si pubblica il nuovo decreto Conte 26 aprile valido dal 4 maggio sino al 17 maggio 2020.

(si consiglia di scaricare il DPCM allegato 2, non in formato immagine ma in formato testo, per ragioni di grandezza del file, l’unica differenza è che il formato immagine contiene la firma autografa mentre il formato testo no)

Allegati

LE NUOVE MISURE IN VIGORE DAL 27 APRILE NELLA PROVINCIA DI RIMINI

La provincia di Rimini ha pubblicato una serie di domande e risposte in merito alle nuove norme in vigore dal 27 aprile.

In allegato il documento proposto

Allegati

LE NUOVE MISURE IN VIGORE DAL 27 APRILE NELLA PROVINCIA DI RIMINI

La provincia di Rimini ha pubblicato una serie di domande e risposte in merito alle nuove norme in vigore da domani.

In allegato il documento proposto.

Allegati

Obbligo di indossare la mascherina in spazi chiusi privati e pubblici aperti al pubblico

Con ordinanza sindacale in data odierna è stato disposto che da lunedì 27 aprile:

1. è obbligatorio l’uso della mascherina a protezione di naso e bocca, in spazi chiusi, pubblici e privati, aperti al pubblico, in presenza di più persone, nei servizi taxi e noleggio con conducente;

2. fermo restando il rispetto del mantenimento delle misure di distanziamento sociale,  le disposizioni di cui al punto precedente non si applicano ai bambini di età inferiore ai sei anni e alle persone che non tollerino l’utilizzo delle mascherine a causa di particolari condizioni psicofisiche attestate da certificazione rilasciata dal medico;

3.  apposito avviso dell’obbligo di indossare la mascherina dovrà essere affisso all’ingresso di tutti gli spazi chiusi, pubblici o privati, aperti al pubblico a cura del conduttore di tali spazi;

Si AVVERTE – che l’inottemperanza al presente provvedimento costituisce reato, e specificamente violazione dell’art. 650 c.p., e comporta l’applicazione della relativa sanzione penale;

– che alle violazioni alla presente ordinanza si applica la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 400,00;

– che avverso alla presente ordinanza può essere proposto ricorso al Tribunale Amministrativo della Regione Emilia Romagna entro 60 giorni dalla data di pubblicazione dello stesso, oppure in via alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro il termine di 120 giorni dalla data di pubblicazione del provvedimento medesimo.

Allegati

3.147 visite

torna all'inizio del contenuto Skip to content

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi