Tasse e tributi

Nuovo sistema di tariffazione rifiuti 2020: tutte le informazioni utili

Il Comune di Morciano di Romagna insieme a Hera, nei mesi scorsi, ha adeguato il sistema di raccolta rifiuti, con l’obiettivo di aumentare la raccolta differenziata e recuperare quantità sempre maggiori di materiali riciclabili, come organico, plastica, vetro, carta, risorse preziose per l’ambiente.

Questo ha richiesto un cambiamento nelle abitudini quotidiane, cosa non semplice, ma che ha portato molto frutto.

Grazie alla collaborazione di tutti siamo già riusciti nel nostro comune a superare, nello scorso mese di novembre, l’80% di raccolta differenziata, ben al di sopra della media nazionale (52%).

Non solo, abbiamo anche raggiunto l’obiettivo della Regione Emilia-Romagna da conseguire entro il 2020. Un risultato davvero ottimo, e per il quale la ringraziamo, che dimostra come l’impegno quotidiano di una comunità può davvero fare la differenza.

Le modifiche introdotte consentono di passare alla tariffa puntuale, che premierà i comportamenti virtuosi e si applicherà da gennaio 2020.

Questo modello tariffario, previsto dalla legge regionale n. 16/2015, prende il nome tecnico di “tariffa rifiuti corrispettiva” (o “tariffa corrispettiva puntuale”, abbreviata talvolta in TCP) e andrà a sostituire la TARI.

Si tratta di un modello tariffario più equo dell’attuale TARI perché la bolletta si calcola anche in proporzione alla quantità di rifiuto indifferenziato conferito.

Per definire il numero dei conferimenti previsti a seconda del numero dei componenti il nucleo familiare sono state effettivamente rilevate negli ultimi mesi le abitudini e i quantitativi prodotti da ciascuna utenza.

La nuova tariffa rifiuti a Morciano di Romagna

Nel rispetto della legge regionale 16/2015, la quale prevede che i sistemi di tariffazione puntuali siano avviati in tutti i comuni emiliano-romagnoli entro e non oltre il 31 dicembre 2020, dal 1 gennaio 2020 si applica anche a Morciano di Romagna, la nuova tariffa puntuale. L’importo delle bollette per il servizio di gestione dei rifiuti urbani dipenderà dal numero di componenti il nucleo famigliare, dalla dimensione dell’abitazione e dalla quantità di rifiuti indifferenziati conferiti.

La quantità di rifiuti indifferenziati verrà misurata in litri. Ogni svuotamento del bidoncino individuale verrà conteggiato per 40 litri e contribuirà alla determinazione della tariffa.

Tutti i rifiuti differenziabili, i cui costi di gestione sono coperti dalle quote fisse, potranno essere conferiti negli appositi contenitori un numero illimitato di volte.

Inoltre, sono previsti sconti per chi si reca alla stazione ecologica e per chi svolge il compostaggio domestico.

 

La composizione della bolletta

La bolletta sarà composta di quattro parti:

  • Quota Fissa e Quota fissa Normalizzata: è calcolata in base alla superficie dell’abitazione e al numero di componenti del nucleo familiare;
  • Quota Variabile di Base: è calcolata sul quantitativo minimo annuo (in litri) di rifiuti indifferenziati assegnato a ciascuna utenza ed è correlata al numero di componenti il nucleo familiare;
  • Quota Variabile Aggiuntiva: è legata alla quantità di rifiuti indifferenziati effettivamente conferita in più rispetto ai litri minimi previsti

Anche in assenza di conferimenti, ogni utenza pagherà la Quota Fissa, la Quota Fissa Normalizzata e la Quota variabile di base (che prevede una quantità annua di rifiuti indifferenziati). Rispettare la Quantità Variabile di Base permette di contenere il costo del servizio. Per i rifiuti indifferenziati conferiti oltre la soglia annua si pagherà la Quota Variabile Aggiuntiva, che verrà conteggiata in una bolletta di conguaglio l’anno successivo.

Ogni conferimento è sempre considerato pari all’intera capacità del bidoncino, conviene quindi sfruttare l’intera capacità delle attrezzature messe a disposizione.

N. componenti

nucleo famigliare

Quantità annua inclusa

(litri minimi)

N. svuotamenti bidoncino individuale (40 lt) *
1 480 12
2 600 15
3 720 18
4 840 21
5 960 24
6 o più 1040 26

I litri minimi riportati in tabella fanno riferimento al primo anno sperimentale di applicazione della Tariffa Corrispettivo Puntuale e saranno validi per tutto il 2020.

 

ATTENZIONE: chi non ritira le dotazioni

Senza dotazione non è possibile accedere al servizio di raccolta rifiuti. Inoltre il mancato

ritiro della dotazione non comporta esoneri o riduzioni. Per chi non ritira le dotazioni sarà

prevista l’applicazione di una tariffa pari a 52 svuotamenti/anno.

Per ritirare le dotazioni (bidoncino per raccolta domiciliare) per il mese di gennaio sarà necessario recarsi presso:

  • il punto di distribuzione presso la Sede Municipale di Piazza del Popolo,1, nelle giornate del 2, 16 e 30 gennaio dalle 9.00 alle 12.30
  • lo sportello del Servizio Clienti a sua disposizione.

 

Utilizzo di pannolini, ausili e presidi medico sanitari

Dal 1° gennaio 2020 i residenti che hanno esigenza di conferire presidi sanitari monouso potranno ritirare un contenitore dedicato da esporre nelle giornate indicate sul calendario di raccolta e ottenere un’agevolazione sotto forma di “franchigia”, ovvero di un numero di litri ulteriori rispetto a quelli minimi riconosciuti nella Quota Variabile di Base (i litri eccedenti la franchigia saranno fatturati nella Quota Variabile Aggiuntiva).

Pannolini pediatrici

In questo caso sarà attivata in automatico un’agevolazione per ogni bambino residente sulla base degli aggiornamenti dell’anagrafe comunale. L’agevolazione per i pannolini sarà riconosciuta dal giorno di nascita del bambino sino al compimento del 36° mese di vita.

Ausili per incontinenza e sacche per dialisi

Contattando il Servizio Clienti a sua disposizione è possibile richiedere a Hera un’agevolazione sotto forma di “franchigia”, ovvero un numero di litri ulteriore rispetto a quello già previsto nella quota variabile di base.

Sarà necessario presentare copia della bolla di consegna dei presidi timbrata dall’AUSL. Il documento deve avere data non antecedente l’anno solare precedente alla richiesta.

 

Per il primo anno della tariffa corrispettiva puntuale, le agevolazioni richieste entro il 31 marzo 2020 saranno riconosciute con decorrenza dal 1 gennaio 2020. Nel caso di più persone aventi diritto all’interno del medesimo nucleo familiare, le riduzioni sono cumulabili.

 

Modalità di corretto conferimento

Le ricordiamo di conferire il proprio rifiuto utilizzando esclusivamente le attrezzature e/o le dotazioni fornite.

SI RICORDA CHE DAL 1 GENNAIO E’ ENTRATO IN VIGORE IL NUOVO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI

 

Il Servizio Clienti a sua disposizione

La prima bolletta con tariffa corrispettiva puntuale le verrà spedita solo fra alcuni mesi. Nel frattempo,
per informazioni sul servizio si può rivolgere al Servizio Clienti Hera:

  • contattando il numero gratuito 800.862.328 (dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 22.00, sabato dalle 8.00 alle 18.00)

Inoltre, a partire da febbraio 2020, le informazioni sul numero dei conferimenti da lei effettuati saranno disponibili anche sulla app MyHera.

Per maggiori approfondimenti è organizzato un incontro pubblico presso la sala ex lavatoio giovedì 16 gennaio alle ore 21.00.

 

Allegati

Tassa rifiuti – Agevolazioni 2019 (scadenza: 2 Ottobre)

In applicazione dell’art. 17, comma 1-lettera C, del Regolamento della Tassa sui rifiuti, a decorrere dal 1° gennaio 2017 è prevista una riduzione della tassa smaltimento rifiuti, fino ad un massimo del 80%, per le abitazioni occupate da nuclei familiari in condizioni di grave disagio sociale ed economico.

Al fine della concessione delle agevolazioni, saranno tenuti in considerazione i seguenti nuclei familiari:

  1. nuclei costituiti esclusivamente da anziani che abbiano compiuto alla data del 1° gennaio dell’anno di riferimento 65 anni di età. Nel nucleo familiare è ammessa la presenza di una badante/collaboratrice familiare convivente con regolare contratto di lavoro;
  2. nuclei in cui alla data del 1° gennaio dell’anno di riferimento siano presenti tre o più figli a carico ovvero una situazione di handicap grave con una invalidità superiore al 66,66%
  3. nuclei in cui, alla data di scadenza del termine per presentare la domanda, siano presenti soggetti che hanno perso il lavoro a seguito di licenziamento per giusta causa ovvero a seguito di scadenza di un precedente contratto a termine non rinnovato ovvero si trovino in cassa integrazione e siano regolarmente iscritti alle liste di collocamento;
  4. famiglie con un reddito ISEE fino ad € 7.500,00
  5. famiglie con tre o più componenti con un reddito esclusivamente da lavoro dipendente, ISEE fino ad € 11.000,00

La domanda per l’accesso alle agevolazioni, accompagnata da dichiarazione ISEE e da fotocopia del documento di identità, andrà presentata entro il 2 ottobre 2019

Scarica il bando

Scarica la domanda per accedere alle agevolazioni

Definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali non riscosse – regolamento e modulistica

Con delibera del Consiglio comunale n. 33 del 27/06/2019 il Comune di Morciano di Romagna ha
approvato il regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali non
riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale, ai sensi dell’art. 15 del D.L. 30 aprile
2019, n. 34
Possono essere definite le seguenti entrate non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione
fiscale notificati nel periodo dall’01/01/2000 al 31/12/2017:
a) tutte le entrate di natura tributaria quali a titolo esemplificativo: ICI, IMU, TASI, TARSU,
TARI, TARES, TOSAP;
b) tutte le altre entrate patrimoniali dell’ente quali a titolo esemplificativo: canoni, tariffe per il
godimento di servizi, oneri di urbanizzazione.
I debitori possono estinguere il debito, senza corrispondere le sanzioni, versando:
a) le somme ingiunte a titolo di capitale ed interessi nella misura legale;
b) le spese relative alla riscossione coattiva, riferibili agli importi di cui alla precedente
lettera a);
c) le spese relative alla notifica dell’ingiunzione di pagamento;
d) le spese relative alle eventuali procedure cautelari o esecutive sostenute.
Il debitore che intende aderire alla definizione agevolata, può presentare una apposita istanza
esente da bollo, entro il 15/10/2019, utilizzando l’apposito modello disponibile sul sito internet
dell’Ente, da trasmettersi tramite posta elettronica certificata all’indirizzo pec
amministrazione.sorit@pec.it del concessionario o consegnata a mani al protocollo dell’ente o
tramite posta elettronica certificata all’indirizzo del concessionario o con raccomanda A/R
Tutte le informazioni relative alla procedura di definizione agevolata delle entrate potranno essere
acquisite presso Sorit Società Servizi e Riscossioni Italia S.p.A. (definizioneagevolata@sorit.it –
Numero Verde 800199288) oppure presso questo servizio (0541/851941).

Istanza di adesione alla definizione agevolata

REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA (2)

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONALI NON RISCOSSE A SEGUITO DI PROVVEDIMENTI DI INGIUNZIONE FISCALE

REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA

Acconto 2019 Imu e Tasi – Scadenza il 17 giugno

Si ricorda a tutti i contribuenti che il 17 giugno è l’ultimo giorno utile per effettuare il pagamento dell’ acconto 2019 IMU e TASI. Le aliquote e detrazioni dell’anno 2019, sono le stesse dell’anno 2018 (delibera di C.C. n.
37 del 09.09.2014)

Per maggiori informazioni, tariffe e detrazioni è possibile consultare l’allegato seguente

informativa imu tasi 2019

Dove rivolgersi per informazioni:
Ufficio Tributi – Residenza Municipale
piazza del popolo, 1
tel. 0541/851943- fax 0541/987581
tributi@comune.morcianodiromagna.rn.it

Orario d’apertura:
il martedì e il giovedì dalle ore 08.30 alle ore 13.00 e il pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 17.00

Manifestazione di interesse per affidamento in concessione del servizio di riscossione coattiva delle entrate

Manifestazione di interesse per affidamento in concessione del servizio di riscossione coattiva delle entrate del Comune di Morciano di Romagna

Scarica il documento

 

Approvato il bilancio di previsione 2019: solidarietà, cultura e lavori pubblici gli obiettivi per il prossimo anno

COMUNICATO STAMPA

APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE 2019

Solidarietà, cultura e lavori pubblici: gli obiettivi del prossimo anno

Morciano di Romagna, 7 dicembre 2018 – Conferma degli incentivi a favore delle fasce più deboli, introduzione di fasce ISEE per i servizi a domanda individuale, contenimento delle spese fisse della macchina comunale. Sono questi alcuni dei punti salienti contenuti nel bilancio di previsione per l’anno 2019, approvato nella giornata del 6 dicembre dal Consiglio comunale di Morciano di Romagna. La seduta si è aperta con l’insediamento del consigliere comunale Pierluigi Autunno (Morciano Futura) in sostituzione della dimissionaria Michela Morganti.

Tariffe a domanda individuale. La novità principale, rispetto agli anni scorsi, riguarda l’introduzione di quattro fasce ISEE per refezione scolastica e centri estivi e di tre fasce ISEE per l’asilo nido. L’obiettivo è quello di ridurre i costi offrendo un aiuto concreto alle famiglie maggiormente in difficoltà dal punto di vista economico, consentendo loro di accedere ai servizi educativi e scolastici fondamentali. L’iniziativa, condivisa con CGIL-CISL e UIL, consentirà una maggiore equità contributiva da parte delle famiglie sull’intero versante dei servizi offerti dal comune. Invariate le tariffe per l’edizione 2019 di San Gregorio con alcune riduzioni a favore degli hobbisti e dei commercianti in sede fissa.

Contenimento dei costi della macchina comunale. Anche nel 2019 la Giunta del sindaco Giorgio Ciotti intende portare avanti l’opera di efficientamento della macchina comunale e di contenimento dei costi fissi dell’ente con lo scopo di dirottare risparmi e maggiore risorse verso i servizi per la cittadinanza. A tal proposito è stata ridotta del 10% l’applicazione alla parte corrente del bilancio dei proventi da oneri di urbanizzazioni: questi risparmi  potranno quindi essere impiegati per attività a favore di manutenzione del territorio e verde pubblico. Limitata anche la spesa per il personale, non essendo state previste nuove assunzioni.

Pressione fiscale. Uno degli obiettivi primari dell’amministrazione è quello di non aggravare ulteriormente il carico fiscale sui cittadini morcianesi recuperando solo in alcuni casi il tasso programmato d’inflazione così come previsto dalle norme vigenti. L’addizionale IRPEF non subirà incrementi, mentre è stata riconfermata la soglia di esenzione a 13mila euro.

Lavori pubblici. Il Comune, a fronte delle ristrettezze di bilancio e dei tagli ai trasferimenti, intende dare priorità a progetti ed opere che potranno essere co – finanziate grazie a finanziamenti pubblici. Manutenzione delle strade, riqualificazione di piazze e aree urbane, impianti sportivi e verde pubblico sono le tipologie di intervento in cima all’agenda dell’amministrazione comunale.

Recupero dell’evasione. Proseguirà, anche nel 2019, l’attività di lotta all’evasione fiscale. A tal proposito, già nel 2018, il Comune ha disposto il potenziamento dell’ufficio Tributi con l’inserimento di una nuova unità di personale. L’attività svolta ha permesso il recupero di 50mila euro di imposte non versate.

Esenzioni e agevolazioni. Il Comune, in un’ottica di equità sociale e di sostegno alle fasce più deboli, ha stanziato un fondo di 18mila euro per aiutare le famiglie in condizione di bisogno a far fronte al pagamento della Tari (tassa sui rifiuti). Riconfermato anche il progetto ‘Diamoci una mano’ (sconti per mensa scolastica, trasporto, centri estivi, etc.)

Contributi per le imprese. L’amministrazione comunale metterà a disposizione degli esercenti (bar, ristoranti, etc.) 7.500 euro a fondo perduto per la realizzazione o l’adeguamento di dehors in base alle tipologie e ai materiali indicati dal regolamento comunale. In accordo con le associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti, CNA e Confartigianato si sperimenterà un regolamento per ridurre i costi di avvio alle aziende di nuova costituzione.

Sostegno all’associazionismo. Incrementati i fondi a sostegno delle associazioni locali per le attività da loro assicurate quali eventi, sostegno alle fragilità, giovani, sport e anziani. Contributi sono previsti su base progettuale al fine di sostenere particolari emergenze nel mondo dei giovani, della scuola, cultura, terza età.

Il 2019 vedrà forti investimenti in cultura, da un lato per migliorare gli spazi pubblici utilizzati, dall’altro per potenziare le proposte culturali e sociali già in essere e per confermare attività sperimentate nel corso del 2018 quali il percorso teatrale Blu Morciano (Teatro adulti) e il Nido di Formica (Teatro giovani).

Saldo Imu e Tasi anno 2018 – Informazioni e detrazioni

Si ricorda a tutti i contribuenti che il 16 dicembre è l’ultimo giorno utile per effettuare il pagamento del saldo 2018 IMU e TASI.

Informativa Imu e Tasi 2018

Dove rivolgersi per informazioni:
Ufficio Tributi – Residenza Municipale
piazza del popolo, 1
tel. 0541/851943- fax 0541/987581
tributi@comune.morcianodiromagna.rn.it

Orario d’apertura:
il martedì e il giovedì dalle ore 08.30 alle ore 13.00 e il pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 17.00

Tassa sui rifiuti (Tari): agevolazioni e riduzioni (scadenza 30 settembre)

La Giunta comunale di Morciano ha approvato il bando per la riduzione del costo del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani per l’anno 2018 (Tari). Entro il 30 settembre le famiglie interessate potranno avanzare la richiesta di riduzione dei costi tramite l’apposito modulo, che andrà riconsegnato a partire dal 31 agosto ed entro i termini previsti dal bando all’ufficio Tributi del Comune di Morciano di Romagna. 

Scarica il modulo per richiedere le agevolazioni Tari

Di seguito i nuclei familiari aventi diritto:

a) risultino costituiti esclusivamente da anziani che abbiano compiuto alla data del 1° gennaio dell’anno di riferimento 65 anni di età. Nel nucleo familiare è ammessa la presenza di una badante o collaboratrice familiare convivente con regolare contratto di lavoro;
b) alla data del 1° gennaio dell’anno di riferimento vedano presenti tre o più figli a carico ovvero una situazione di handicap grave con una invalidità superiore al
66,66%;
c) alla data di scadenza del termine per presentare la domanda, vedano presenti soggetti che hanno perso il lavoro a seguito di licenziamento per giusta causa ovvero a seguito di scadenza di un precedente contratto a termine non rinnovato ovvero si trovano in cassa integrazione e siano regolarmente iscritti alle liste di collocamento;
d)
• Famiglie con un reddito I.S.E.E. fino a Euro 7.500;
• Famiglie con 3 o più componenti con un reddito esclusivamente da lavoro dipendente con I.S.E.E. fino a Euro 11.000;

Ai soggetti in possesso dei requisiti di cui ai punti a ), b ) e c ) vengono concesse le seguenti riduzioni della tassa sui rifiuti:

Fascia ISEE % di riduzione
Prima fascia ISEE da 12.500 a 17.500 € 30%
Seconda fascia ISEE da 7.500 a 12.499,99 €

50

50%
Terza fascia ISEE inferiore a 7.500€ 70%

Ai soggetti in possesso dei requisiti di cui al punto d ) : • Famiglie con un reddito I.S.E.E. fino a Euro 7.500; riduzione 10% • Famiglie con 3 o più componenti con un reddito esclusivamente da lavoro dipendente, I.S.E.E. fino a Euro 11.000; riduzione 20%;

Allegati

1.751 visite

torna all'inizio del contenuto Skip to content

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi