Tasse e tributi

Aliquote Imu anno 2022

Con deliberazione del Consiglio comunale n. 77 del 31/12/2021 sono state confermate le seguenti aliquote IMU per l’anno 2022:

TIPOLOGIA

 

ALIQUOTA IMU

 

Abitazione principale del possessore e pertinenze (Categorie
catastali A1, A8, A9)
6,00 per mille
Abitazione principale del possessore
e pertinenze (altre categorie catastali)
/
Fabbricati strumentali all’attività agricola 1 per mille
Fabbricati invenduti delle
imprese di costruzione
2,5 per mille
Fabbricati categoria “D” (no D/10) 10,6 per mille
Altri fabbricati, terreni agricoli,
aree fabbricabili
10,6 per mille

Dove rivolgersi per informazioni:

Ufficio Tributi – Residenza Municipale
piazza del popolo, 1
tel. 0541/851943
tributi@comune.morcianodiromagna.rn.it

Allegati

Bando per la concessione di agevolazioni per la tariffa corrispettiva puntuale (scadenza 14 ottobre)

BANDO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI DELLA TARIFFA CORRISPETTIVA PUNTUALE A FAVORE DI PERSONE IN CONDIZIONI DI GRAVE DISAGIO ECONOMICO E SOCIALE (art. 1 comma 660 della Legge 147/2013 e art. 33, comma 2, del Regolamento comunale TCP) ANNUALITA’ 2022

ART. 1: OGGETTO

In applicazione dell’art. 33 comma 2, del vigente Regolamento della Tariffa Corrispettiva Puntuale, a decorrere dal 1° gennaio 2020 viene prevista una riduzione della TCP, a favore degli utenti in possesso dei requisiti individuati nel presente documento per l’accesso al beneficio.

Art. 2: REQUISITI PER ACCEDERE AL BENEFICIO

Possono accedere al beneficio della riduzione di cui all’articolo 1 i nuclei familiari residenti nel territorio comunale che:

  • risultino costituiti esclusivamente da anziani che abbiano compiuto alla data del 1° gennaio dell’anno di riferimento 65 anni di età. Nel nucleo familiare è ammessa la presenza di una badante/collaboratrice familiare convivente con regolare contratto di lavoro;
  • alla data del 1° gennaio dell’anno di riferimento vedano presenti tre o più figli a carico ovvero una situazione di handicap grave con una invalidità superiore al 66,66%;
  • alla data di scadenza del termine per presentare la domanda, vedano presenti soggetti che hanno perso il lavoro a seguito di licenziamento per giusta causa ovvero a seguito di scadenza di un precedente contratto a termine non rinnovato ovvero si trovano in cassa integrazione e siano regolarmente iscritti alle liste di collocamento;
  • Famiglie con un reddito I.S.E.E. fino a Euro 7.500;
  • Famiglie con 3 o più componenti con un reddito esclusivamente da lavoro dipendente, I.S.E.E. fino a Euro 11.000;

I nuclei familiari di cui al comma precedente:
1) devono essere in regola con gli obblighi di dichiarazione/comunicazione e di pagamento della TARI/TCP anni precedenti. La regolarità deve risultare alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di agevolazione;
Comune di Morciano di Romagna – Piazza del Popolo, n. 1 – 47833 Morciano di Romagna (RN)
2) non devono possedere su tutto il territorio nazionale, a titolo di proprietà ovvero di altro diritto reale (usufrutto, uso, abitazione, ecc.), altra unità immobiliare oltre a quella adibita ad abitazione principale e relative pertinenze;
3) devono possedere un ISEE in corso di validità ordinario rilasciato dall’INPS riferito alla situazione reddituale dell’anno precedente non superiore a quello annualmente stabilito dalla Giunta Comunale con apposito provvedimento;
4) devono risultare l’unico nucleo familiare occupante l’abitazione per la quale viene richiesta l’agevolazione. E’ ammessa la presenza di un altro nucleo familiare costituito da badante/collaboratrice familiare con regolare contratto di lavoro.

ART. 3: RIDUZIONE DELLA TASSA

1. Ai soggetti in possesso dei requisiti di all’art. 2 “Requisiti per accedere al beneficio” comma 1 lettere a), b) e c) vengono concesse le seguenti riduzioni della TCP, da applicarsi alla Quota Fissa (QF), alla Quota Fissa Normalizzata (QFN) ed alla Quota Variabile di Base (QVB):

Fasce ISEE Soglie ISEE % di riduzione art. 33 comma 2 su QF,QFN,QVB
1^ fascia Da €. 12.500 a €. 17.500 30%
2^ fascia Da €. 7.500,00 a €. 12.499,99 50%
3^ fascia Inferiore a €. 7.500,00 70%

Ai soggetti indicati al precedente punto d) vengono concesse le seguenti riduzioni della tassa sui rifiuti:
2. Ai soggetti in possesso dei requisiti di cui al punto “ Requisiti per accedere al beneficio” comma 1 lettera d) :
Famiglie con un reddito I.S.E.E. fino a Euro 7.500; riduzione 20% (su QF, QFN e QVB)
Famiglie con 3 o più componenti con un reddito esclusivamente da lavoro dipendente, I.S.E.E. fino a Euro 11.000: riduzione 25% (su QF, QFN e QVB).

ART. 4: BANDO E PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

1. Il termine di scadenza per la presentazione delle domande di cui al presente bando è il giorno 14 OTTOBRE 2022.

Le domande che dovranno contenere, a pena di nullità:
1) le generalità del contribuente;
2) l’autocertificazione inerente il possesso dei requisiti di cui all’articolo 2;
3) l’attestazione ISEE ordinario rilasciato dall’INPS in corso di validità riferita ai redditi dell’anno precedente.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL MODELLO DI DOMANDA (ALLEGATO B)

Per ottenere l’attestazione ISEE i soggetti interessati potranno rivolgersi direttamente ai Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale (CAAF).

ART. 5: ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE PERVENUTE E FORMULAZIONE DELLA GRADUATORIA DEI SOGGETTI AVENTI DIRITTO ALLE AGEVOLAZIONI

1. Entro 60 giorni dalla scadenza del termine di presentazione delle domande l’Ufficio Tributi provvede ad esaminare le richieste pervenute, verificando il possesso dei requisiti dichiarati, con eventuale richiesta di integrazione dei documenti ad enti esterni ovvero direttamente ai soggetti interessati.
2. Al termine dell’istruttoria viene formulata la graduatoria, articolata per fasce, degli aventi diritto all’agevolazione della tariffa e quantificato il relativo onere connesso alla riduzione della TCP. Il beneficio della riduzione verrà concesso a tutti i soggetti utilmente collocati in graduatoria. Qualora
l’importo delle agevolazioni risulti superiore alla spesa a carico del bilancio autorizzata dalla Giunta Comunale, si procederà a ridurre in misura proporzionale la misura dell’agevolazione per tutti i soggetti utilmente collocati in graduatoria, fino alla concorrenza dell’importo di spesa autorizzato;
3. Dell’esito dell’istruttoria, delle agevolazioni concesse e dei dinieghi disposti verrà data comunicazione agli interessati. Si applicano le disposizioni di cui alla legge n. 241/1990.

ART. 6: CONTROLLI

1. Il beneficiario è tenuto a comunicare tempestivamente ogni evento che modifichi le dichiarazioni allegate alla domanda di agevolazione.
2. Il Comune, nel caso tali modifiche comportino la perdita del diritto al contributo, provvede alla revoca del contributo stesso.
3. I controlli diretti ad accertare la veridicità delle informazioni fornite sono effettuati ai sensi:
a) dell’art. 71, D.P.R. 445/2000;
b) del D.Lgs 109/1998, così come modificato dal D.lgs 130/2000;
c) del D.P.C.M. 221/1999, così come modificato dal D.P.C.M. 242/2001;
4. Ai sensi dell’art. 76 del D.p.r. 28.12.2000 numero 445, le dichiarazioni mendaci la falsità negli atti e l’uso di atti falsi, nei casi previsti dalla Legge, sono puniti ai sensi del codice penale e delle Leggi speciali in materia.
5. Nel caso sia accertata la concessione di agevolazioni indebite, il Comune provvede alla revoca del beneficio e all’azione di recupero di dette somme.

ART. 7 AUTORIZZAZIONE DI SPESA

1. Le riduzioni di cui al presente atto, in qualità di agevolazioni art.1 comma 660 della Legge
147 del 27.12.2013, sono iscritte in bilancio come autorizzazioni di spesa e la relativa copertura è assicurata da risorse diverse dai proventi della tassa relativa all’esercizio cui si riferisce l’iscrizione predetta. Il limite massimo di agevolazioni concedibili viene individuato nell’importo iscritto in bilancio di previsione annualità 2022.

Allegati

Imu anno 2021 – Aliquote, detrazioni, esenzioni, informazioni e contatti

INFORMAZIONI IMU ANNO 2021

Si ricorda a tutti i contribuenti che il 16 giugno è l’ultimo giorno utile per effettuare il pagamento dell’ acconto 2021 IMU.
Le aliquote e detrazioni dell’anno 2021, sono le stesse dell’anno 2020 (delibera di C.C. n. 63 del 10.12.2020), riassunte nel seguente schema:

Tipologia

ALIQUOTA IMU 2021

ALIQUOTA

TOTALE 2021

DETRAZIONE

Comune

Stato

Abitazione principale del possessore e pertinenze (Categorie catastali A1, A8, A9)

6,0 ‰

6,0

200,00

Abitazione principale del possessore e pertinenze (Altre categorie catastali)

esente

esente

Fabbricati strumentali all’attività agricola

1,00 ‰

1,00 ‰

Fabbricati invenduti delle imprese di costruzione (c.d. “beni merce”)

2,50 ‰

2,50 ‰

Fabbricati categoria “D” (no D/10)

3,00 ‰

7,60 ‰

10,60 ‰

Tutte le altre tipologie di fabbricati non indicati in precedenza

10,60 ‰

10,60 ‰

Terreni agricoli

10,60 ‰

10,60 ‰

Aree fabbricabili

10,60 ‰

10,60 ‰

Agevolazioni per emergenza Covid

Esenzione della prima rata IMU 2021 per gli immobili adibiti ad attività di tipo turistico o di intrattenimento, secondo le regole già applicate nel 2020. L’articolo 1, comma 599, della legge di bilancio 2021 (legge 178/2020) conferma, seppure in parte, la disciplina di favore dettata dalla normativa emergenziale in materia di IMU. A questa, si aggiunge l’esenzione già disposta dall’articolo 78 del Dl 104/2020, per gli anni 2021 e 2022, con riferimento alle unità destinate a cinema e teatri.

La legge di Bilancio 2021 ha stabilito l’esonero dal pagamento della prima rata con riferimento alle seguenti fattispecie:

a) immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali;

b) immobili rientranti nella categoria catastale D/2 (alberghi e pensioni) e relative pertinenze, immobili degli agriturismi, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed and breakfast, dei residence e dei campeggi;

c) immobili rientranti nella categoria catastale D in uso da parte di imprese esercenti attività di allestimenti di strutture espositive nell’ambito di eventi fieristici o manifestazioni;

d) immobili destinati a discoteche, sale da ballo, night club e simili.

Con eccezione degli immobili di cui alle lettere a) e c), per tutte le altre ipotesi l’esonero deve rispettare la regola secondo cui il gestore deve coincidere con il soggetto passivo del tributo.

Ai sensi dell’art. 78 del D.L. 104/2020 l’IMU non è dovuta per gli anni 2021 e 2022 per gli immobili rientranti nella categoria catastale D/3 destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

Pensionati esteri

Il comma 48 dell’articolo 1 della L. 178/2020 prevede una riduzione IMU per i titolari di pensioni maturate all’estero. Dal 1 gennaio 2021, l’IMU dovuta sull’unica unità immobiliare non locata o concessa in comodato, posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia da soggetti non qui residenti e titolari di pensione maturata con Stati per i quali è presente una Convenzione contro le doppie imposizioni siglata con l’Italia, viene applicata una riduzione pari alla metà dell’IMU dovuta.

Dove rivolgersi per informazioni:

Ufficio Tributi – Residenza Municipale
piazza del popolo, 1
tel. 0541/851943- fax 0541/987581
tributi@comune.morcianodiromagna.rn.it

Orario d’apertura:
il martedì e il giovedì dalle ore 08.30 alle ore 13.00 e il pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 17.00

Nuovo sistema di tariffazione rifiuti 2020: tutte le informazioni utili

Il Comune di Morciano di Romagna insieme a Hera, nei mesi scorsi, ha adeguato il sistema di raccolta rifiuti, con l’obiettivo di aumentare la raccolta differenziata e recuperare quantità sempre maggiori di materiali riciclabili, come organico, plastica, vetro, carta, risorse preziose per l’ambiente.

Questo ha richiesto un cambiamento nelle abitudini quotidiane, cosa non semplice, ma che ha portato molto frutto.

Grazie alla collaborazione di tutti siamo già riusciti nel nostro comune a superare, nello scorso mese di novembre, l’80% di raccolta differenziata, ben al di sopra della media nazionale (52%).

Non solo, abbiamo anche raggiunto l’obiettivo della Regione Emilia-Romagna da conseguire entro il 2020. Un risultato davvero ottimo, e per il quale la ringraziamo, che dimostra come l’impegno quotidiano di una comunità può davvero fare la differenza.

Le modifiche introdotte consentono di passare alla tariffa puntuale, che premierà i comportamenti virtuosi e si applicherà da gennaio 2020.

Questo modello tariffario, previsto dalla legge regionale n. 16/2015, prende il nome tecnico di “tariffa rifiuti corrispettiva” (o “tariffa corrispettiva puntuale”, abbreviata talvolta in TCP) e andrà a sostituire la TARI.

Si tratta di un modello tariffario più equo dell’attuale TARI perché la bolletta si calcola anche in proporzione alla quantità di rifiuto indifferenziato conferito.

Per definire il numero dei conferimenti previsti a seconda del numero dei componenti il nucleo familiare sono state effettivamente rilevate negli ultimi mesi le abitudini e i quantitativi prodotti da ciascuna utenza.

La nuova tariffa rifiuti a Morciano di Romagna

Nel rispetto della legge regionale 16/2015, la quale prevede che i sistemi di tariffazione puntuali siano avviati in tutti i comuni emiliano-romagnoli entro e non oltre il 31 dicembre 2020, dal 1 gennaio 2020 si applica anche a Morciano di Romagna, la nuova tariffa puntuale. L’importo delle bollette per il servizio di gestione dei rifiuti urbani dipenderà dal numero di componenti il nucleo famigliare, dalla dimensione dell’abitazione e dalla quantità di rifiuti indifferenziati conferiti.

La quantità di rifiuti indifferenziati verrà misurata in litri. Ogni svuotamento del bidoncino individuale verrà conteggiato per 40 litri e contribuirà alla determinazione della tariffa.

Tutti i rifiuti differenziabili, i cui costi di gestione sono coperti dalle quote fisse, potranno essere conferiti negli appositi contenitori un numero illimitato di volte.

Inoltre, sono previsti sconti per chi si reca alla stazione ecologica e per chi svolge il compostaggio domestico.

 

La composizione della bolletta

La bolletta sarà composta di quattro parti:

  • Quota Fissa e Quota fissa Normalizzata: è calcolata in base alla superficie dell’abitazione e al numero di componenti del nucleo familiare;
  • Quota Variabile di Base: è calcolata sul quantitativo minimo annuo (in litri) di rifiuti indifferenziati assegnato a ciascuna utenza ed è correlata al numero di componenti il nucleo familiare;
  • Quota Variabile Aggiuntiva: è legata alla quantità di rifiuti indifferenziati effettivamente conferita in più rispetto ai litri minimi previsti

Anche in assenza di conferimenti, ogni utenza pagherà la Quota Fissa, la Quota Fissa Normalizzata e la Quota variabile di base (che prevede una quantità annua di rifiuti indifferenziati). Rispettare la Quantità Variabile di Base permette di contenere il costo del servizio. Per i rifiuti indifferenziati conferiti oltre la soglia annua si pagherà la Quota Variabile Aggiuntiva, che verrà conteggiata in una bolletta di conguaglio l’anno successivo.

Ogni conferimento è sempre considerato pari all’intera capacità del bidoncino, conviene quindi sfruttare l’intera capacità delle attrezzature messe a disposizione.

N. componenti

nucleo famigliare

Quantità annua inclusa

(litri minimi)

N. svuotamenti bidoncino individuale (40 lt) *
1 480 12
2 600 15
3 720 18
4 840 21
5 960 24
6 o più 1040 26

I litri minimi riportati in tabella fanno riferimento al primo anno sperimentale di applicazione della Tariffa Corrispettivo Puntuale e saranno validi per tutto il 2020.

 

ATTENZIONE: chi non ritira le dotazioni

Senza dotazione non è possibile accedere al servizio di raccolta rifiuti. Inoltre il mancato

ritiro della dotazione non comporta esoneri o riduzioni. Per chi non ritira le dotazioni sarà

prevista l’applicazione di una tariffa pari a 52 svuotamenti/anno.

Per ritirare le dotazioni (bidoncino per raccolta domiciliare) per il mese di gennaio sarà necessario recarsi presso:

  • il punto di distribuzione presso la Sede Municipale di Piazza del Popolo,1, nelle giornate del 2, 16 e 30 gennaio dalle 9.00 alle 12.30
  • lo sportello del Servizio Clienti a sua disposizione.

 

Utilizzo di pannolini, ausili e presidi medico sanitari

Dal 1° gennaio 2020 i residenti che hanno esigenza di conferire presidi sanitari monouso potranno ritirare un contenitore dedicato da esporre nelle giornate indicate sul calendario di raccolta e ottenere un’agevolazione sotto forma di “franchigia”, ovvero di un numero di litri ulteriori rispetto a quelli minimi riconosciuti nella Quota Variabile di Base (i litri eccedenti la franchigia saranno fatturati nella Quota Variabile Aggiuntiva).

Pannolini pediatrici

In questo caso sarà attivata in automatico un’agevolazione per ogni bambino residente sulla base degli aggiornamenti dell’anagrafe comunale. L’agevolazione per i pannolini sarà riconosciuta dal giorno di nascita del bambino sino al compimento del 36° mese di vita.

Ausili per incontinenza e sacche per dialisi

Contattando il Servizio Clienti a sua disposizione è possibile richiedere a Hera un’agevolazione sotto forma di “franchigia”, ovvero un numero di litri ulteriore rispetto a quello già previsto nella quota variabile di base.

Sarà necessario presentare copia della bolla di consegna dei presidi timbrata dall’AUSL. Il documento deve avere data non antecedente l’anno solare precedente alla richiesta.

 

Per il primo anno della tariffa corrispettiva puntuale, le agevolazioni richieste entro il 31 marzo 2020 saranno riconosciute con decorrenza dal 1 gennaio 2020. Nel caso di più persone aventi diritto all’interno del medesimo nucleo familiare, le riduzioni sono cumulabili.

 

Modalità di corretto conferimento

Le ricordiamo di conferire il proprio rifiuto utilizzando esclusivamente le attrezzature e/o le dotazioni fornite.

SI RICORDA CHE DAL 1 GENNAIO E’ ENTRATO IN VIGORE IL NUOVO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI

 

Il Servizio Clienti a sua disposizione

La prima bolletta con tariffa corrispettiva puntuale le verrà spedita solo fra alcuni mesi. Nel frattempo,
per informazioni sul servizio si può rivolgere al Servizio Clienti Hera:

  • contattando il numero gratuito 800.862.328 (dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 22.00, sabato dalle 8.00 alle 18.00)

Inoltre, a partire da febbraio 2020, le informazioni sul numero dei conferimenti da lei effettuati saranno disponibili anche sulla app MyHera.

Per maggiori approfondimenti è organizzato un incontro pubblico presso la sala ex lavatoio giovedì 16 gennaio alle ore 21.00.

 

Allegati

Tassa rifiuti – Agevolazioni 2019 (scadenza: 2 Ottobre)

In applicazione dell’art. 17, comma 1-lettera C, del Regolamento della Tassa sui rifiuti, a decorrere dal 1° gennaio 2017 è prevista una riduzione della tassa smaltimento rifiuti, fino ad un massimo del 80%, per le abitazioni occupate da nuclei familiari in condizioni di grave disagio sociale ed economico.

Al fine della concessione delle agevolazioni, saranno tenuti in considerazione i seguenti nuclei familiari:

  1. nuclei costituiti esclusivamente da anziani che abbiano compiuto alla data del 1° gennaio dell’anno di riferimento 65 anni di età. Nel nucleo familiare è ammessa la presenza di una badante/collaboratrice familiare convivente con regolare contratto di lavoro;
  2. nuclei in cui alla data del 1° gennaio dell’anno di riferimento siano presenti tre o più figli a carico ovvero una situazione di handicap grave con una invalidità superiore al 66,66%
  3. nuclei in cui, alla data di scadenza del termine per presentare la domanda, siano presenti soggetti che hanno perso il lavoro a seguito di licenziamento per giusta causa ovvero a seguito di scadenza di un precedente contratto a termine non rinnovato ovvero si trovino in cassa integrazione e siano regolarmente iscritti alle liste di collocamento;
  4. famiglie con un reddito ISEE fino ad € 7.500,00
  5. famiglie con tre o più componenti con un reddito esclusivamente da lavoro dipendente, ISEE fino ad € 11.000,00

La domanda per l’accesso alle agevolazioni, accompagnata da dichiarazione ISEE e da fotocopia del documento di identità, andrà presentata entro il 2 ottobre 2019

Scarica il bando

Scarica la domanda per accedere alle agevolazioni

Definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali non riscosse – regolamento e modulistica

Con delibera del Consiglio comunale n. 33 del 27/06/2019 il Comune di Morciano di Romagna ha
approvato il regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali non
riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale, ai sensi dell’art. 15 del D.L. 30 aprile
2019, n. 34
Possono essere definite le seguenti entrate non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione
fiscale notificati nel periodo dall’01/01/2000 al 31/12/2017:
a) tutte le entrate di natura tributaria quali a titolo esemplificativo: ICI, IMU, TASI, TARSU,
TARI, TARES, TOSAP;
b) tutte le altre entrate patrimoniali dell’ente quali a titolo esemplificativo: canoni, tariffe per il
godimento di servizi, oneri di urbanizzazione.
I debitori possono estinguere il debito, senza corrispondere le sanzioni, versando:
a) le somme ingiunte a titolo di capitale ed interessi nella misura legale;
b) le spese relative alla riscossione coattiva, riferibili agli importi di cui alla precedente
lettera a);
c) le spese relative alla notifica dell’ingiunzione di pagamento;
d) le spese relative alle eventuali procedure cautelari o esecutive sostenute.
Il debitore che intende aderire alla definizione agevolata, può presentare una apposita istanza
esente da bollo, entro il 15/10/2019, utilizzando l’apposito modello disponibile sul sito internet
dell’Ente, da trasmettersi tramite posta elettronica certificata all’indirizzo pec
amministrazione.sorit@pec.it del concessionario o consegnata a mani al protocollo dell’ente o
tramite posta elettronica certificata all’indirizzo del concessionario o con raccomanda A/R
Tutte le informazioni relative alla procedura di definizione agevolata delle entrate potranno essere
acquisite presso Sorit Società Servizi e Riscossioni Italia S.p.A. (definizioneagevolata@sorit.it –
Numero Verde 800199288) oppure presso questo servizio (0541/851941).

Istanza di adesione alla definizione agevolata

REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA (2)

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale

REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA

Acconto 2019 Imu e Tasi – Scadenza il 17 giugno

Si ricorda a tutti i contribuenti che il 17 giugno è l’ultimo giorno utile per effettuare il pagamento dell’ acconto 2019 IMU e TASI. Le aliquote e detrazioni dell’anno 2019, sono le stesse dell’anno 2018 (delibera di C.C. n.
37 del 09.09.2014)

Per maggiori informazioni, tariffe e detrazioni è possibile consultare l’allegato seguente

informativa imu tasi 2019

Dove rivolgersi per informazioni:
Ufficio Tributi – Residenza Municipale
piazza del popolo, 1
tel. 0541/851943- fax 0541/987581
tributi@comune.morcianodiromagna.rn.it

Orario d’apertura:
il martedì e il giovedì dalle ore 08.30 alle ore 13.00 e il pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 17.00

Manifestazione di interesse per affidamento in concessione del servizio di riscossione coattiva delle entrate

Manifestazione di interesse per affidamento in concessione del servizio di riscossione coattiva delle entrate del Comune di Morciano di Romagna

Scarica il documento

 

799 visite

torna all'inizio del contenuto Skip to content

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi