Urbanistica

Accorpamento al demanio stradale comunale di aree di proprietà privata che sono di uso pubblico da oltre 20 anni

I soggetti interessati a tale procedura sono invitati a contattare l’ Ufficio patrimonio  per verificare, in relazione allo specifico caso, la sussistenza delle condizioni di concreta fattibilità dell’operazione.

 

Requisiti

I requisiti previsti dalla norma sono:

– uso pubblico delle aree; le aree, pur essendo ancora formalmente intestate a soggetti privati, sono di fatto utilizzate come strade, quindi soggette ad uso pubblico;

– l’uso pubblico deve essersi protratto ininterrottamente da oltre vent’anni;

– consenso scritto all’accorpamento da parte dell’attuale proprietario. Nel caso in cui l’area sia di proprietà di più soggetti, è indispensabile che il consenso venga prestato da tutti i comproprietari.

Modalità

I moduli possono essere inviati al Comune di Morciano di Romagna con le seguenti modalità:

– sottoscritti con firma digitale ed inviati con pec all’indirizzo protocollo@comune.morcianodiromagna.rn.ito

-sottoscritti manualmente ed inviati tramite servizio postale, fax, e-mail, pec, purchè siano accompagnati da copia di documento d’identità della persona che sottoscrive il documento.

Normativa

Tale procedura è disciplinata dai commi 21 e 22 dell’art. 31 della legge del 28.12.1998, n. 448, commi che di seguito si riportano integralmente:
“In sede di revisione catastale, è data facoltà agli enti locali, con proprio provvedimento di disporre l’accorpamento al demanio stradale delle porzioni di terreno utilizzate ad uso pubblico, ininterrottamente da oltre venti anni, previa acquisizione del consenso da parte degli attuali proprietari.
La registrazione e la trascrizione del provvedimento di cui al comma 21 avvengono a titolo gratuito”.

Allegati

Avviso di deposito variante al Prg del Comune di Morciano di Romagna per la correzione di errori materiali

VARIANTE AL PRG DEL COMUNE DI MORCIANO DI ROMAGNA PER LA CORREZIONE DI ERRORI MATERIALI CONTENUTI NELLA TAVOLA DI ZONIZZAZIONE URBANISTICA D.3.2.m AI SENSI
DELL’ART. 15, COMMA 7 DELLA L.R. N. 47/1978 E S.M.I. – AVVISO DI DEPOSITO

Testo_AVV_errori_PRG

Contributi a fondo perduto per la qualità urbana – Approvato il regolamento

Contributi economici e tasse scontate per chi realizzare dehors o costruisce nuovi arredi: il Comune premia chi contribuisce al decoro di Morciano

Contributi economici o tasse scontante per i cittadini o le attività che contribuiscono al decoro e alla qualità urbana di Morciano di Romagna. Va in questa direzione il nuovo regolamento per la concessione di contributi a fondo perduto, presentato dalla Giunta del sindaco Giorgio Ciotti e approvato giovedì scorso dal Consiglio comunale. Il regolamento è rivolto sia ai privati cittadini che alle imprese regolarmente operanti sul territorio morcianese. Come funziona? Il fondo è destinato a sostenere le spese per i seguenti interventi: adeguamento al piano del colore del centro storico; realizzazione di elementi di arredo urbano esterni all’esercizio; adeguamento o realizzazione di dehors; sostituzione di insegne o di altri impianti pubblicitari. Il privato che intende realizzare uno o più delle opere sopra elencate, potrà presentare domanda di ammissione al contributo secondo le modalità previste dal bando di prossima pubblicazione. Il termine per la presentazione delle istanze scadrà il 15 ottobre prossimo. In cambio i privati potranno ottenere un contributo economico per un importo comunque non superiore al 50% delle spese rendicontate e ad ogni modo per un valore non superiore ai 5mila euro. Nel caso di attività economiche (bar, ristoranti, commercianti e artigiani), il contributo potrà essere elargito anche sotto forma di riduzione dei tributi locali (Tari e Cosap) sulla base di una convenzione che non potrà avere durata superiore ai 5 anni. “In questo modo – spiega la Giunta comunale – abbiamo voluto offrire un premio a tutti coloro che contribuiscono al decoro e alla qualità urbana di Morciano. Pensiamo al tema del colore o degli arredi, ma anche a quello dei dehors, già particolarmente diffusi in altri Comuni della nostra provincia. Crediamo che i dehors siano una risorsa economica importante per tutti gli esercenti, purché essi vadano ad armonizzarsi in maniera funzionale e non invasiva con lo spazio urbano della città”.

Scarica il regolamento

Proposta di modifica all’accordo di programma “Ghigi” avanzato dal soggetto attuatore

Di seguito vengo pubblicati i documenti consegnati nel primo incontro partecipativo riservato alle associazioni in data 24.05.2018:

Calendario della partecipazione:

24.5.2018 incontro con le associazioni di volontariato, sociali e categoria

7.6.2018 incontro con associati Confcommercio, Confesercenti, CNA, Confartigianato, Consorzio Commerciamo

30.6 termine presentazione analisi SWOT

Allegati

Attività di partecipazione in corso

A dicembre 2014 l’Istituto Nazionale di Urbanistica ha promosso la sottoscrizione della Carta della Partecipazione. Si è trattato dell’inizio di un percorso che punta al progressivo coinvolgimento di enti pubblici e strutture associative per creare una rete e, attraverso  l’applicazione della Carta, diffondere la cultura di una partecipazione effettiva e “di qualità” dei cittadini alle decisioni.

L’idea di partecipazione introdotta dalla Carta accompagna l’intero ciclo di elaborazione e implementazione delle politiche pubbliche, compreso il momento della gestione e dell’attuazione, affinché i cittadini diventino parte attiva nella realizzazione dei progetti e nella presa in cura dei beni comuni.

 

Attività partecipative in corso:

1) Proposta di modifica all’accordo di programma “Ghigi” avanzato dal soggetto attuatore

attività completata

 

2) Nuovo Regolamento Edilizio

attività completata

 

3) Nuova biblioteca/centro culturale polivalente

Atti predisposti dal Politecnico di Milano

a) Relazione tecnica progetto nuova biblioteca

b) Book illustrativo sul progetto nuova biblioteca

attività completata

 

4) Documento Unico di Programmazione (DUP) 2020 – 2022

attività completata

 

5) Regolamento Comunale per l’installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

a) Regolamento adottato con delibera n. 34 del 21.7.2020

b) Modulo osservazioni

in corso

 

6) Documento Unico di Programmazione (DUP) 2021 -2023

in corso

9.702 visite

torna all'inizio del contenuto Skip to content

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi